I Simpson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: navigazione, cerca
Se hai problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – "Simpson" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Simpson (disambigua).
I Simpson
serie TV cartone
Logo italiano della serie
Logo italiano della serie
Titolo originale The Simpsons
Autore Matt Groening
Soggetto
Studio
Musiche
Rete Fox Broadcasting Company
1ª TV 17 dicembre 1989
Episodi 507 (in corso) in 23 stagioni
Durata ep. 21 min
Reti italiane
1ª TV it. 1 ottobre 1991
Episodi it. 486 / 507 Completa al 96%. in 23 stagioni
Dialoghi it.
Doppiaggio orig.
Doppiaggio it.
Genere Sitcom
Temi Umorismo

I Simpson (in inglese The Simpsons) è una popolare sitcom animata creata dal fumettista statunitense Matt Groening a fine degli anni ottanta per la Fox Broadcasting Company. È una parodia satirica della società e dello stile di vita statunitensi, personificati dalla famiglia protagonista, di cui fanno parte Homer, Marge e i loro tre figli Bart, Lisa e Maggie.

Ambientato in una cittadina statunitense chiamata Springfield, lo show tratta in chiave umoristica molti aspetti della condizione umana, così come la cultura, la società in generale e la stessa televisione.

La famiglia fu ideata da Matt Groening e James L. Brooks in una serie di corti animati di un minuto, da mandare in onda durante il Tracey Ullman Show. La loro prima apparizione nel talk show si ebbe il 19 aprile 1987 in un corto intitolato Good Night. Da quel momento, per due anni, I Simpson andarono in onda durante gli intermezzi pubblicitari dello show ottenendo un buon successo. Lo show debuttò sotto forma di episodi di mezz'ora in prima serata il 17 dicembre 1989.

I Simpson fu subito uno show di punta della FOX, grande casa produttrice di film; nel corso degli anni ha vinto numerosi e importanti premi televisivi.[1] Il numero del magazine Time del 31 dicembre 1999 lo ha acclamato come "miglior serie televisiva del secolo".[2] Il 14 gennaio 2000 lo show ha ottenuto una stella nella Hollywood Walk of Fame. È, a tutt'oggi, la più lunga sitcom[3] e serie animata[4] statunitense mai trasmessa. Come prova dell'influenza che lo show ha avuto nella cultura popolare, l'esclamazione contrariata di Homer Simpson, "D'oh!", è stata introdotta nell'Oxford English Dictionary. I Simpson hanno inoltre influenzato diverse altre serie animate per adulti prodotte da metà anni novanta in poi[5]. Nel 2002, la rivista TV Guide ha classificato I Simpson all'8º posto tra I migliori 50 spettacoli televisivi di tutti i tempi[6], miglior posizione tra le serie animate.

In Italia, lo show è trasmesso attraverso la televisione analogica terrestre dalle emittenti del gruppo Mediaset e dalla piattaforma satellitare Sky. Il primo episodio è andato in onda il 1º ottobre 1991 su Canale 5 in seconda serata, ma il resto sono state trasmesse anche nelle giornate pomeridiane prima del momento di Bim Bum Bam. Nell'ottobre 1997, la programmazione si è spostata successivamente sull'emittente Italia 1. Dal suo debutto, sono stati finora mandati in onda oltre 500 episodi per 23 stagioni. Nel 2007 è stato tratto un lungometraggio dalla serie, intitolato I Simpson - Il film (titolo originale The Simpsons Movie), uscito in quasi tutto il mondo il 27 luglio 2007, mentre in Italia il 14 settembre. L'8 ottobre 2011, dopo aver affrontato un paio di problemi finanziari con i doppiatori della sit-com animata, la Fox rinnova I Simpson per altre due stagioni (permettendo alla serie tv di raggiungere la venticinquesima stagione).

Indice

[modifica] Le origini, i primi successi e le prime critiche

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Cortometraggi de I Simpson.
Matt Groening, creatore di Life in Hell, I Simpson e Futurama.

Groening concepì la famiglia Simpson con l'aiuto di Brooks. All'inizio Groening pensò ad un adattamento televisivo della sua striscia a fumetti Life in Hell, ma quando si rese conto che ciò avrebbe comportato la rescissione dei diritti di pubblicazione per quest'ultima opera decise di prendere un'altra strada. Ebbe l'idea di delineare come protagonista dei corti la sua versione di una famiglia disfunzionale,[7] e diede ai personaggi lo stesso nome di quello dei suoi familiari, tranne Bart.[8]

Nelle intenzioni di Groening, lo show avrebbe dovuto rappresentare una novità fin dalla prima apparizione. La scelta del colore giallo come colore della pelle dei personaggi animati ne è un esempio. Matt Selman, sceneggiatore della serie fin dai primi anni, ha affermato in un'intervista che «l'idea è stata di Matt Groening. Voleva che una volta accesi i televisori, il pubblico pensasse che il colore giallo fosse legato ad un problema tecnico. Si sarebbe domandato "Oh, perché sono gialli?" ed avrebbe provato a sintonizzare il canale senza peraltro riuscirci, perché il giallo era reale. Era un tentativo innovativo per far cadere in inganno i telespettatori; è una cosa che facciamo spesso nel mondo dello spettacolo».[9]

La famiglia Simpson fece il suo debutto nel Tracey Ullman Show, come protagonista di cortometraggi animati, con "Good Night", che andò in onda il 19 aprile 1987. La famiglia era rozzamente disegnata, poiché Groening aveva sottoposto schizzi di base agli animatori, supponendo che li avrebbero "puliti"; invece semplicemente ricalcarono i suoi disegni.[8]

Nel 1989, I Simpson furono adattati in una serie di mezz'ora per la Fox Network da una squadra di compagnie produttrici, inclusa l'attuale Klasky Csupo. Siccome la Fox era da poco nata e quindi alle prime armi, Jim Brooks ottenne un'inusuale clausola contrattuale dall'emittente, la quale assicurava che non avrebbe interferito col processo creativo dello show.[10] Groening ha affermato che l'obiettivo chiave dello show era «offrire un'alternativa al pubblico, e mostrare a loro che c'è qualcos'altro oltre alla spazzatura mainstream che gli viene presentato come l'unica scelta».[11]

James L. Brooks, produttore esecutivo della serie.

La Fox era riluttante a trasmettere la serie, in quanto non credeva potesse reggere la durata di un normale episodio di venti minuti-mezz'ora.[12] Proposero agli autori di produrre tre corti da sette minuti ciascuno e quattro speciali, per vedere le reazioni del pubblico e farli abituare alla lunghezza dello show (anche se il vero problema, secondo gli ideatori, era quello di rendere plausibili e ben voluti dei personaggi così grotteschi).[12] Alla fine, però, vista l'insistenza degli ideatori, la Fox chiese tredici episodi dalla durata di trenta minuti[12]. Il primo episodio della serie vera e propria fu Un Natale da cani (in originale Simpsons Roasting on an Open Fire) scelto in un confronto con quello che alla fine fu l'ultimo episodio della prima stagione, Sola, senza amore (Some Enchanted Evening). Quest'ultimo episodio fu il finale di stagione poiché gli animatori lo dovettero ridisegnare, avendo visto la stessa povera qualità del disegno con cui Groening aveva realizzato i corti.[13]

I Simpsons furono la prima serie televisiva della Fox Network ad apparire nella top 30 degli show più visti, nella stagione 1989-90.[14] Il successo dello show convinse la Fox che si poteva cambiare l'orario di messa in onda dello show, in modo da competere in audience con il The Cosby Show (noto in Italia come I Robinson), una mossa che abbassò gli ascolti de I Simpson.[15] Tracey Ullman, intanto, aveva intentato una causa legale, affermando che il suo show era la fonte del successo de I Simpson e richiedendo perciò una parte dei guadagni provenienti dai corti. Alla fine, fu la Fox Network a vincere la causa.[16]

Lo show fu anche coinvolto in una polemica a causa della personalità di Bart Simpson – un ribelle ai dettami familiari da cui frequentemente scappava senza alcuna punizione – che spinse alcune associazioni di genitori e portavoce "conservatrici" a sostenere che Bart fosse un pessimo modello per i bambini.[17][18] George Bush senior, all'epoca presidente degli Stati Uniti, accusò: «stiamo provando a rafforzare la famiglia americana, in modo da farla assomigliare di più ai Waltons e di meno ai Simpsons».[19]

Le t-shirts dei Simpsons, così come altro merchandise, furono bandite da diverse scuole pubbliche in diverse zone degli Stati Uniti.[19] Ciò nonostante, le vendite mondiali arrivarono, in solo 14 mesi, a 2 miliardi di dollari di ricavo.[19]

[modifica] Personaggi

[modifica] Protagonisti

Una rappresentazione di Homer Simpson situata nelle vicinanze del villaggio inglese di Cerne Abbas.

Quella dei Simpson è una vita basata sul lifestyle della famiglia statunitense media.

  • Homer Simpson (Homer Jay Simpson) ha 38 anni ed è un pigro, stupido, obeso, inetto, irresponsabile ed incompetente ispettore di sicurezza della centrale nucleare di Springfield; all'apparenza senza sentimenti, adora strafogarsi di cibo, soprattutto ciambelle e costolette di maiale, e bere birra Duff. Adora guardare la TV con una birra in mano. Ama moltissimo la moglie Marge ma spesso si dimentica di Maggie. Vive per i suoi figli, sua moglie e la birra; passa molto tempo al bar di Boe Szyslak con gli amici Barney, Lenny e Carl.
  • Marge Simpson (Marjorie Simpson, nata Bouvier) ha 38 anni ed è per la maggior parte della serie il ritratto della tipica madre e casalinga statunitense: molto protettiva nei confronti dei figli, è dotata di una spiccata "moralità". Da bambina aveva il sogno di diventare ballerina ("purtroppo mi è cresciuto un seno per volta distruggendomi l'equilibrio"). In una puntata non si sente realizzata perciò decide di scrivere un romanzo. In un episodio si dimentica della sua famiglia a causa di un trauma cranico, in un altro prende il vizio di bere, in un altro ancora non vuole più uscire di casa e in un altro si scopre che ha avuto una figlia (Maggie) con un alieno.
  • Bart Simpson (Bartholomew Jay Simpson) è un bambino di dieci anni furbo e insofferente alle regole: ama lo skateboard e adora la TV. La sua attività preferita è combinare scherzi insieme al suo amico Milhouse Van Houten, soprattutto ai danni del barista Boe Szyslak e del preside della sua scuola, Seymour Skinner. Dimostra di avere un buon cuore e di voler bene alla sorella in più occasioni. Si fidanza con molte ragazze: la figlia del reverendo, una ragazza incinta, una ragazza che aiuta i vecchi della casa di riposo (per piacerle nasconde la sua identità di teppistello), con una che le fa causa per merito di un bacio e si sposa con la figlia di Cletus per salvare la sua mucca. La sua famosa frase è "ciucciati il calzino".
  • Lisa Simpson (Elizabeth Marie Simpson) è una bambina di otto anni, con un altissimo Q.I., vegetariana. Ha aderito al buddhismo a causa della chiesa che le pareva corrotta. "Intellettuale", sensibile e anticonformista si ritrova spesso coinvolta nell'attivismo progressista. La sua aspirazione è di diventare presidente degli Stati Uniti e la sua passione è suonare il sassofono. Nel corso della serie si appassiona anche della danza. In un episodio cerca di far mangiare solo verdura ai familiari, in un altro entra nell'esercito e in un altro cerca di salvare una balena spiaggiata. Dimostra di avere un buon cuore aiutando Burns a non andare sul lastrico. Non ha amici, ma si findanza con Nelson e nel film con un ragazzo che come lei ambisce ad un pianeta migliore.
  • Maggie Simpson (Margaret Eve Simpson) è una neonata (ha un anno di età) la cui unica attività è succhiare un ciuccio. Non riesce a camminare, ed ogni volta che ci prova cade in avanti; spesso viene dimenticata davanti al piccolo schermo. Tranne estemporanee eccezioni, non si è mai sentita la sua voce, tranne in una puntata, La prima parola di Lisa, nella quale Maggie dice "papà", in Bart sfida il giorno del ringraziamento dove Maggie accusa Bart in un sogno di quest'ultimo, in Arrivando in Homerica, dove parla in norvegese e in I Simpson - Il film, dove nei titoli di coda dice "Continua". Maggie molte volte si rivela una neonata piena di intelletto ed anche molto astuta, con un buon senso di responsabilità. Nel famoso episodio Chi ha sparato al Signor Burns? Maggie si scopre essere l'unica colpevole, a dispetto di tutti gli indizi che accusavano l'innocente Signor Smithers.

La famiglia ha anche due animali:

Nonostante il fatto che passino gli anni e in vari episodi siano stati trattati compleanni, i personaggi della serie non invecchiano. Pochi sono i morti durante la serie, e ciò è avvenuto tanto in circostanze tragicomiche,[20] quanto più semplicemente in occasione di una grave malattia.[21] Altri personaggi sono stati invece soggetti a delle "resurrezioni", come Hans Uomo Talpa e Marvin Monroe.[22]

Altri co-protagonisti dello show, invece, non sono più comparsi nel corso degli anni, generalmente a causa della morte del doppiatore originale: l'esempio più famoso è rappresentato dai personaggi di Troy McClure e Lionel Hutz, ritirati dopo la morte di Phil Hartman.[23]

[modifica] Personaggi secondari

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi le voci Personaggi e Personaggi secondari de I Simpson.

Oltre ai membri della famiglia Simpson, sono presenti una serie di strambi personaggi, alcuni dei quali competono in popolarità con i protagonisti. Originariamente, molti di questi personaggi erano pensati per un'unica apparizione, ma diversi sono riusciti ad ottenere maggiore spazio e spesso sono divenuti protagonisti di molti episodi:

[modifica] Episodi

Sono state prodotte finora ventitre stagioni, mentre in Italia sono state trasmesse le prime ventidue. La serie è stata rinnovata, nell'ottobre del 2011, per altre due stagioni.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Episodi de I Simpson.

[modifica] Temi

La struttura di base de I Simpson è organizzata come quasi una normale sitcom. In teoria, è solo una serie narrante la vita di una tipica famiglia americana e di tutti i loro amici in una tipica cittadina americana.[24] In realtà, l'obiettivo comico dello show è maggiore di quello di una qualunque sitcom. La città di Springfield è un complesso microcosmo in cui sono affrontati tutti i temi della società moderna. Il fatto che Homer lavori in una centrale nucleare, può essere sfruttato per fare satira su questioni di carattere ambientale.[25] Le giornate che Bart e Lisa passano alla scuola elementare di Springfield possono essere fonte di ispirazione per una satira sul sistema scolastico pubblico statunitense. Rilevante è l'universo dei media locali come televisioni e radio, da cui prende spunto la presa in giro dell'industria dell'intrattenimento e dello showbiz.[26]

Alcuni commentatori sostengono che lo show assume connotati politici con una propensione – che viene espressa attraverso la satira – a idee progressiste,[27] anche se in più occasioni sono state prese di mira entrambe le parti del panorama politico americano.[28] La serie irride l'abuso di potere che il governo e le grandi industrie hanno sulla gente comune:[29] i politici sono corrotti, i media sono asserviti al potere e fanno cattiva informazione, il reverendo Lovejoy è indifferente verso i suoi fedeli; e la polizia locale, in particolare il commissario Clancy Winchester, è totalmente inefficiente.[30] Anche la religione è un tema ricorrente: nei momenti di crisi, la famiglia si rivolge a Dio, che in alcune puntate è rappresentato come un uomo enorme dalla lunga barba bianca, di cui non si vede il volto. Dio è inoltre l'unico personaggio della serie animata ad essere raffigurato con le 5 dita, sia delle mani che dei piedi; infatti, tutti gli abitanti di Springfield ne presentano solo 4 (come anche personaggi più classici quali Topolino e Paperino). Nonostante tutto, lo show si è occupato delle maggiori religioni.[31]

Le trame di più episodi si concentrano su un particolare personaggio, o sulla relazione tra due. Nei casi più comuni, le trame di fondo riguardano Homer che ottiene un nuovo lavoro o che prova a diventare ricco velocemente; Marge che cerca di fuggire dalla monotonia del ruolo di casalinga, cercando anch'essa lavoro o dedicandosi a un hobby; Bart che causa un grave danno o problema e cerca di risolverlo, nascondendolo o ignorandolo interamente; Lisa che cerca di difendere o appoggiare una causa o un ente coinvolto nell'attivismo politico o ambientalista. Molti episodi si concentrano su personaggi minori, ma che coinvolgono anche la famiglia Simpson. Altri temi affrontati dalla serie sono le crisi fra Homer e Marge e i rapporti tra Bart e Lisa.

[modifica] Ambientazione

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi le voci Springfield e Luoghi de I Simpson.
La pensilina reclamizzante la premiere mondiale de I Simpson - Il film affissa all'entrata dello "Springfield Theater" della Springfield del Vermont.

La serie è ambientata a Springfield, cittadina situata in uno Stato non meglio identificato:[32][33] nell'ultimo episodio dell'undicesima stagione, intitolato Dietro la risata, i Simpson sono descritti come "una ridente famiglia del Kentucky". Nell'episodio della decima stagione Lisa 10 e lode, il sovraintendente Chalmers afferma che la scuola elementare di Springfield era stata in passato nominata la più decadente del Missouri, aggiungendo però subito dopo come fosse stata spostata da là fino a Springfield. Invece nel lungometraggio della serie, Ned Flanders, mentre ammira il paesaggio attorno a Springfield insieme a Bart, afferma che la città è situata vicino ai confini con gli Stati dell'Ohio, del Nevada, del Maine e del Kentucky. Ma, mentre Ohio e Kentucky sono confinanti, Nevada e Maine si trovano da tutt'altra parte.

Groening ha dichiarato che Springfield ha molto in comune con Portland, città situata nell'Oregon in cui è cresciuto,[34] mentre il nome Springfield sarebbe stato scelto perché molto comune, dato che appare in decine di città di oltre trenta Stati.[35] La geografia di Springfield e delle sue vicinanze è particolarmente variabile, caratterizzata da zone costiere, deserti, vasti terreni agricoli, alte montagne, e qualunque cosa sia richiesta dalla sceneggiatura.[36] Anche se la città è relativamente piccola, contiene tutti gli edifici che normalmente si trovano solo nelle grandi metropoli (come l'aeroporto internazionale o gli studi televisivi).

Approfittando della presenza di molte città chiamate Springfield, la Fox e il quotidiano USA Today hanno indetto nell'estate del 2007 una votazione nella quale si chiedeva di scegliere quale fra le tante Springfield fosse la più verosimile all'ambientazione della serie. Il concorso si è poi concluso con la vittoria della Springfield del Vermont, di 9.200 abitanti, che ha così conseguito l'onore di ospitare la prima mondiale de I Simpson – Il film.[37]

[modifica] Caratteristiche ricorrenti

[modifica] Sequenza iniziale

Uno dei "marchi di fabbrica" de I Simpson è la sigla iniziale.

Quasi ogni episodio si apre con il titolo e una carrellata che, partendo da un primo piano delle nuvole, mostra una vista aerea della città e finisce fino alla finestra di un'aula al piano terra della scuola elementare, dove Bart è intento a scrivere frasi (diverse per ogni episodio) sulla lavagna per castigo, fino al suono della campanella delle 15:00, quando esce da scuola con lo skateboard.

Successivamente vengono introdotti gli altri componenti della famiglia. Homer esce dalla centrale nucleare non accorgendosi che una barra di plutonio verde fosforescente, sulla quale stava lavorando, rimbalza sull'incudine e gli finisce tra colletto e collo, per poi accorgersene in macchina e gettarla dal finestrino con noncuranza; Marge e Maggie escono dal supermercato con la spesa, dopo che Maggie è stata passata sul lettore di codici a barre della cassa facendo apparire il prezzo – 847,63 dollari – che nel 1989, primo anno dei Simpson, era il costo medio annuo per il mantenimento di un neonato negli USA;[38] Lisa improvvisa un assolo di sassofono (diverso per ogni episodio) che si stacca dal resto della banda della scuola, venendo cacciata dall'aula di musica dal professore Dewey Largo. Intanto Bart passa davanti ad una fermata del bus zigzagando con lo skate tra Helen Lovejoy, Apu Nahasapeemapetilon, Boe Szyslak, Barney Gumble, Timothy Lovejoy, Gengive Sanguinanti Murphy e Clancy Winchester. Mentre è sullo skate la barra di plutonio gettata poco prima dal padre finisce in un tombino accanto a lui. In origine era presente una scena in cui Bart rubava il cartello della fermata (facendo così perdere il bus ai passanti, che iniziano a rincorrerlo), ma è stata tagliata dalla seconda stagione in poi. Prima di tornare ai 5 componenti, viene fatta una carrellata velocissima su tutti i personaggi secondari.

Tutti i componenti della famiglia arrivano a casa quasi contemporaneamente: Homer parcheggia l'auto nel vialetto di casa, con Bart che ne colpisce il tettuccio atterrando dopo un ollie con lo skateboard; Lisa entra in garage con la bici tagliando la strada al padre, il quale la scansa emettendo il suo tipico "D'oh!". Infine arrivano Marge con Maggie in auto, rischiando di investire Homer che corre in garage urlando ed entra in casa dalla porta di servizio.

La sequenza termina con la famiglia che si raduna davanti al televisore sul divano del soggiorno. Il finale della sigla cambia ogni puntata (tranne per poche eccezioni). La sigla si ispira in parte alla sequenza iniziale dei Flintstones, i quali, in una delle molte varianti, "soffiano" il posto alla famiglia Simpson davanti alla televisione.[39]

Dal decimo episodio della ventesima stagione intitolato Prendi la mia vita, per favore, andato in onda negli USA il 15 febbraio del 2009 (in Italia il 5 marzo 2010), la serie ha iniziato ad essere prodotta in alta definizione a 720p adottando un nuovo rapporto di 16:9 rispetto al classico 4:3, di conseguenza è stata creata una nuova sigla. Oltre a quelle dal punto di vista della definizione e della fluidità del movimento dei personaggi, sono presenti diverse differenze nelle varie scene, la cui successione rimane comunque fedele allo storyboard originale (anche se adattato ora al nuovo formato[40]) con l'aggiunta di diversi dettagli o con l'ampliamento di alcune di esse,[41] spesso con riferimenti al cambiamento dei personaggi nel corso degli anni.[42]

Il concetto degli elementi variabili della sigla è stato anche ripreso in Futurama, dove ogni episodio è introdotto da un sottotitolo differente e dove la navicella "Planet Express" impatta contro un grande monitor, che ogni volta mostra un differente cartone degli anni trenta. Lo stesso vale per American Dad!, dove il protagonista, Stan Smith, legge un giornale con un titolo diverso ogni volta. Anche nella serie italiana Rat-Man, vi è un finale diverso per ogni sigla.

[modifica] Special Halloween

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi le voci La paura fa novanta I-X e La paura fa novanta XI-XX.

La paura fa novanta (Treehouse of Horror) è una serie di episodi dei Simpson che ricorrono in ogni stagione (tranne la prima) in occasione della festa di Halloween, il 31 ottobre. Questi episodi sono divisi in tre corti le cui trame non seguono il canone originale della serie. Negli episodi, infatti i protagonisti del cartone sono coinvolti in situazioni il cui genere va dall'horror alla fantascienza e al soprannaturale; spesso questi brevi episodi nascono come parodia di film appartenenti a questi generi.[43]

I normali personaggi interpretano ruoli speciali. Infatti, molto spesso, il ruolo del "cattivo" di turno (che può per esempio essere uno zombie, un vampiro, o un serial killer) è interpretato da personaggi che hanno qualche affinità con queste figure (un esempio è il ruolo del signor Burns, che ha interpretato, fra gli altri, una parodia del conte Dracula) o ne differiscono totalmente (per esempio, Ned Flanders ha interpretato il Diavolo in persona in La paura fa novanta IV). Inoltre, solo in questi episodi speciali fanno la loro comparsa personaggi come i bizzarri alieni Kang e Kodos.

[modifica] I Simpson e la cultura pop

La serie è, inoltre, particolarmente famosa per i riferimenti culturali e le citazioni che coprono un ampio spettro della cultura pop internazionale, specialmente quella americana (in particolare, sono presenti riferimenti, omaggi o parodie più o meno indirette di film, canzoni, o trasmissioni televisive), in modo che spettatori di generazioni differenti possano trarre pieno godimento dallo show. Ad esempio,[44] in questa vasta gamma di citazioni e riferimenti al "mondo reale", rilevante è la presenza della stessa Fox, più volte presa in giro dagli autori dello show.

Una celeberrima serie di gag ricorrenti è rappresentata dagli scherzi telefonici che Bart fa alla taverna di Boe, cui chiede se sono presenti persone dai nomi costruiti con molti "doppi sensi". Un altro esempio si trova nei crediti degli special di Halloween, in cui i nomi dello staff sono storpiati con sfumature horror, come "Bat Groening" o "Chains Hell Brooks". Lo show è anche conosciuto per gag di tipo testuale (scritte divertenti come i nomi dei negozi, l'ordine del giorno del municipio affisso sui cartelli, o anche il programma della messa domenicale).[45] Sono inoltre presenti le cosiddette gag del freeze frame, ovvero immagini o scritte divertenti che appaiono sullo schermo troppo velocemente per essere identificate normalmente, ma che possono essere visibili stoppando ad un preciso fotogramma la trasmissione.[45]

[modifica] Doppiaggio

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Doppiaggio de I Simpson.

Di seguito sono elencati i principali personaggi e i doppiatori (sia in inglese che in italiano):[46]

Personaggio Voce originale Voce italiana Personaggio Voce originale Voce italiana
Homer J. Simpson Dan Castellaneta Tonino Accolla Marge Simpson Julie Kavner Liù Bosisio
Bart Simpson Nancy Cartwright Ilaria Stagni Lisa Simpson Yeardley Smith Monica Ward
Abraham Simpson Dan Castellaneta Mario Milita

Tonino Accolla (da giovane - alcuni episodi)

Patty e Selma Bouvier Julie Kavner Liù Bosisio (stagioni 1-21)

?? (Patty) (dalla stagione 22)

?? (Selma) (dalla stagione 22)

Milhouse Van Houten Pamela Hayden Giorgio Borghetti (stagioni 1 e 2)

Davide Lepore (dalla stagione 3)

Ned Flanders Harry Shearer Teo Bellia (stagione 1 e 2)

Pino Insegno (stagione 3)

Francesco Prando (dalla stagione 4)

Clancy Winchester Hank Azaria Enzo Avolio (stagioni 1-ep. 1F03)

Angelo Maggi (dall'episodio 1F04)

Krusty il Clown Dan Castellaneta Fabrizio Mazzotta
Boe Szyslak Hank Azaria Mino Caprio (stagioni 1-7)

Pino Insegno (stagione 8)

Teo Bellia (dalla stagione 9)

Barney Gumble Dan Castellaneta Mario Bombardieri (stagioni 1-4)

Mauro Magliozzi (stagione 5)

Paolo Marchese (episodio 8F17)

Stefano Mondini (dalla stagione 6)

Waylon Smithers Harry Shearer Vittorio Amandola (prima e terza voce)

Maurizio Reti (seconda voce)

Pasquale Anselmo (dalla stagione 21)

Charles Montgomery Burns Harry Shearer Sandro Iovino
Seymour Skinner Harry Shearer Piero Tiberi (stagione 1 ed episodio 9F10 e stagione 4)

Renato Cortesi (stagioni 2-3)

Massimo Corvo (stagioni 5-8)

Stefano Mondini (dalla stagione 9)

Timothy Lovejoy Harry Shearer Enzo Avolio (prima voce)

Angelo Maggi (seconda voce)

Nino D'Agata (terza voce)

Kent Brockman Harry Shearer Federico Neri Apu Nahasapeemapetilon Hank Azaria Manfredi Aliquò
Lionel Hutz Phil Hartman Maurizio Romano

Paolo Bonolis (episodio 5F06)

Troy McClure Phil Hartman Fabrizio Pucci (stagioni 1-6)

Paolo Marchese (seconda voce)

Francesco Prando (terza voce)

[modifica] Guest star

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Lista di guest star de I Simpson.

Molti episodi della serie sono doppiati da guest star che danno voce o a personaggi fittizi o a loro trasposizioni animate. Alcuni di questi doppiatori possono essere considerati come parte del cast principale, avendo da anni un ruolo fisso nello spettacolo (come avviene per Kelsey Grammer, che interpreta Telespalla Bob; o Phil Hartman, che interpretava Lionel Hutz e Troy McClure).

Decine sono comunque le celebrità che hanno contribuito al doppiaggio originale almeno in un episodio.[47] Anche al doppiaggio italiano hanno spesso collaborato personaggi noti, che, a differenza della versione originale, hanno alle volte prestato la propria voce a personaggi già presenti nel cast della serie da diversi anni (ad esempio, Paolo Bonolis ha doppiato in un'unica occasione il personaggio di Lionel Hutz, Luciana Littizzetto la giudice Grazia Negata e Mike Bongiorno ha doppiato in uno speciale di Natale Babbo Natale).

La serie attualmente detiene il Guinness World Record per "Più celebrità partecipanti ad una serie animata".[48]

[modifica] Colonna sonora

Le musiche sono state composte da Danny Elfman e musicate dall'orchestra di Alf Clausen. Oltre alle composizioni orchestrali, fanno parte della soundtrack molte canzoni, originali e non. Sono stati pubblicati diversi album di musica originale, fin dalla messa in onda della seconda stagione, come ad esempio Songs in the Key of Springfield e Go Simpsonic with The Simpsons.

Molte canzoni sono state composte con lo scopo di un'uscita su CD singolo o di un album, e molte di queste non sono presenti nello show. Il singolo più conosciuto è "Do the Bartman", co-scritto e prodotto da Michael Jackson,[49] singolo pubblicato nel novembre del 1990 e divenuto un successo internazionale, arrivato alla posizione numero 1 nella "UK Singles Chart" dove è rimasto per tre settimane,[50] ed è stato certificato disco d'oro.[51] Un secondo singolo prodotto da DJ Jazzy Jeff, "Deep, Deep Trouble" fu pubblicato l'anno seguente. Altri album tratti dalla serie, come The Simpsons Sing the Blues e The Yellow Album, rilasciati nella seconda metà degli anni novanta, contengono diverse cover, come anche diverse composizioni originali.

[modifica] Critiche

I Simpson sono stati a lungo lodati da vari critici americani come "lo spettacolo televisivo più irriverente e impertinente mai andato in onda".[52] Nel 1990 la rivista americana Entertainment Weekly lo definì come "la rappresentazione della famiglia americana più complessa, disegnata come semplice cartone animato. È questo fantastico paradosso a portare via milioni di telespettatori dai tre principali network per concentrarsi sui Simpson".[53] Ken Tucker, autore dell'articolo, aggiunse in seguito che lo show è "un fenomeno pop-culturale, un cartone da prime time che attira l'intera famiglia".[54]

[modifica] Premi e record

I Simpson hanno vinto dozzine di premi dal debutto della serie televisiva, tra cui ben 23 Emmy Awards.[55] Nel 1999 la rivista americana Time li definì come la miglior serie televisiva del secolo[2] e, nella stessa rivista, Bart Simpson venne inserito nella lista dei 100 personaggi più influenti dello scorso secolo.[56] Il 14 gennaio del 2000, la fama de I Simpson è stata premiata con una stella nella Hollywood Walk of Fame.

I Simpson sulla Hollywood Walk of Fame

Il 9 febbraio 1997, con l'episodio Lo show di Grattachecca e Fichetto e Pucci, I Simpsons ha sorpassato I Flintstones come più lunga serie a cartoni animati statunitense trasmessa in prima serata. Nel gennaio 2003 la Fox ha annunciato la continuazione degli episodi fino a tutto il 2005, rendendo I Simpsons la sitcom americana (animata o live action) con il maggior numero di stagioni prodotte.[3] È, inoltre, la serie con il maggior numero di episodi mai trasmesso negli Stati Uniti.[4]

Il creatore della serie, Matt Groening, ha dichiarato l'ambizione di concludere la serie nel 2008 con la realizzazione del 365º episodio, uno per ogni giorno dell'anno. Questa ambizione è stata superata, in quanto il 26 febbraio 2006 è uscito il 367º episodio. La diciottesima stagione si è conclusa con uno speciale di un'ora composto da due episodi, 24 minuti e Non puoi sempre dire quello Kent ti pare, il 400º episodio. Il 2007 ha inoltre portato alla celebrazione del ventesimo anniversario dalla nascita del marchio dei Simpson. Con la trasmissione della ventunesima stagione, la serie ha superato il record di stagioni prodotte per una serie statunitense in onda nel prime time, le 20 di Gunsmoke e Law & Order.[57]

[modifica] Critiche sul declino della qualità della serie

Per anni i critici hanno lodato lo show per il suo spirito, il realismo e l'intelligenza dei testi.[58] Nell'ultima parte degli anni novanta, però, lo show iniziò a cambiare a tal punto che i critici lo definirono come "stanco".[59] I fan iniziarono a disilludersi, interpretando il nuovo tono umoristico dello show come decadente.[60][61] Nel 2003 dopo la celebrazione del 300º episodio, USA Today pubblicò una lista degli episodi preferiti dai fan[62] e dagli sceneggiatori[63] de I Simpson: nella prima lista, l'episodio più recente era addirittura del 1997, "La fobia di Homer", mentre nella seconda, era l'episodio "Dietro la risata" del 2000. Anche all'interno del cast di doppiatori ci furono dei malumori: Harry Shearer, doppiatore di personaggi come Montgomery Burns, Waylon Smithers e Ned Flanders, dichiarò di ritenere "le ultime tre stagioni tra le peggiori".[64]

Nonostante le critiche, I Simpson hanno continuato ad andare avanti alla ricerca di nuovi fan anche con un vertiginoso calo di ascolti (se la prima serie vantava più di 13 milioni di spettatori per episodio,[14] la diciassettesima serie ha avuto una media di quasi 9 milioni di spettatori[65]). Nell'aprile del 2006, Matt Groening rispondendo alle critiche disse: "Onestamente non vedo una fine in vista. Penso sia probabile che lo show, dal punto di vista finanziario, possa diventare sempre più complesso" (in merito soprattutto al continuo cambio dei produttori), "ma attualmente, dal punto di vista della creatività, lo show è buono tanto quanto prima, se non migliore. L'animazione è incredibilmente dettagliata e fantasiosa, e ci sono storie che raccontano cose che non avevamo mai fatto prima. Quindi dal punto di vista creativo non c'è ragione di chiudere lo show".[66]

[modifica] Censura

La serie, a causa dei temi trattati, è incorsa più volte nella censura da parte delle emittenti o anche dei governi dei paesi esteri. La FOX non ha mai adottato politiche di censura posticcia sul cartone, anche se in varie occasioni, i produttori dello show hanno chiesto a Matt Groening dei tagli prima della messa in onda dell'episodio.[67] Lo show inoltre, ha subito censure anche in Gran Bretagna,[68] Venezuela,[69] Argentina,[70] ed è stato bandito in Russia[71] e Cina.[72] In Giappone, l'ultimo episodio della decima stagione, intitolato "Da Tokyo con orrore" (in originale "Thirty Seconds Over Tokyo") non è mai stato mandato in onda, a causa del ritratto comico di alcune icone e figure sacre, come l'Imperatore Akihito, e non è presente nell'edizione locale in DVD della decima stagione.[73]

In Italia, invece, a differenza di quanto accaduto ad altre serie animate americane, come South Park,[74] I Griffin,[75] ed American Dad e molti anime trasmessi dalle reti Mediaset,[76] la serie non ha subito censure di rilievo, anche se sono stati alleggeriti più dialoghi.

[modifica] Impatto culturale

I Simpson hanno influenzato il mondo esterno tanto che nel 1998 la rivista Time ha proclamato Bart la quarantaseiesima persona più influente del XX secolo. Inoltre era già apparso sulla copertina di tale rivista nell'edizione del 31 dicembre 1990. Bart si è anche classificato insieme a Lisa all'undicesimo posto nella classifica della rivista "TV Guide" de " I 50 migliori personaggi animati di tutti i tempi".

[modifica] Influenza sulla televisione

Negli Stati Uniti I Simpson furono la prima serie animata ad essere programmata in prima serata dai tempi dei Flintstones. Questo perché durante gli anni ottanta si pensava che i cartoni fossero esclusivamente destinati ad un pubblico di bambini. Per giunta, era troppo costoso produrre cartoni dalla qualità sufficientemente alta per la prima serata. I Simpson cambiarono questa percezione.[77] L'uso degli studi di animazione coreani abbassò notevolmente i costi di produzione. Questo fatto portò al boom di serie animate da prima serata a partire da metà anni novanta come South Park, Futurama, King of the Hill e I Griffin.[77]

I Simpson hanno avuto una forte influenza anche su telefilm e sitcom: i creatori di serie come Malcolm[5], The Office[78] e La vita secondo Jim[79] hanno ammesso il loro "debito" con lo show. Alla fine del 2009 è iniziata la messa in onda di una nuova serie animata georgiana, I Samsonadze, la cui autrice, Shalva Ramishvilli, ha ammesso di essersi fortemente ispirata alla serie originaria; le somiglianze principali sono il colore giallo della pelle dei personaggi e il cognome Samsonadze è abbastanza diffuso in Georgia, come lo è Simpson negli Stati Uniti, ma a differenza della versione americana, i figli sono due invece che tre e non ci saranno riferimenti alla politica interna locale.[80]

[modifica] Influenza sul linguaggio

Molti neologismi coniati ne I Simpson sono divenuti particolarmente popolari.[81] La più famosa è l’esclamazione di Homer: «D'oh!», tanto popolare da essere stata inserita nell'Oxford English Dictionary, ma senza l’apostrofo.[82]

Questa esclamazione non è stata ideata ne I Simpson, ma proviene da un copione del 1945 appartenente all’emittente BBC Radio nel quale era scritta la parola "dooh". Dan Castellaneta, doppiatore di Homer Simpson nella versione USA, ha detto di aver preso in prestito la parola da James Finlayson, un attore dei primi film di Stanlio & Ollio, che la pronunciava più lentamente e con un tono più piagnucoloso.[83] Il regista de I Simpson chiese successivamente a Castellaneta di accorciare la pronuncia, e il risultato fu la conosciutissima esclamazione.[83]

Anche altre espressioni sono divenute popolari: «Eccellente» pronunciata da Charles Montgomery Burns; il trionfante «Woohoo!» di Homer e il derisorio «Ha-ha!» di Nelson Muntz. Il «ciucciati il calzino» di Bart Simpson. La sbeffeggiante definizione dei francesi data dal giardiniere Willie di «arrendevoli scimmie mangia-formaggio»[84] è stata usata dal settimanale statunitense di stampo conservatore National Review quando, nel 2003, la Francia si oppose alla guerra in Iraq. Questa frase fu poi ripresa da altre testate.[85]

"Cromolento" ("Cromulent", in originale), una parola usata in Lisa l'iconoclasta è da allora apparsa nel "Webster’s New Millennium Dictionary of English".[86] "Kwyjibo", una parola inventata da Bart durante una partita a Scrabble nell’episodio Bart, il genio, è uno dei nomi con cui è identificato il creatore del worm "Melissa".[87] «Do il benvenuto ai nostri insetti signori supremi» (in originale «I, for one, welcome our new insect overlords»), frase pronunciata da Kent Brockman in Homer nello spazio profondo è stata usata più volte dai media Usa, come il magazine New Scientist,[88] per esprimere scherzosamente la più totale sottomissione a qualcuno[89]

La Buzz-Cola, messa in commercio in America come parte della promozione per l'uscita del film.

[modifica] Merchandise

Il merchandising legato alla serie ha raggiunto un giro di affari di diversi miliardi di dollari.[19] I membri della famiglia e diversi personaggi secondari sono stati riprodotti in t-shirts (nella quale Bart è il più rappresentato), poster, pupazzi, ecc. La serie ha ispirato nuovi giochi (come il gioco di carte The Simpsons Trading Card Game)[90] o edizioni speciali di giochi da tavolo, come Monopoli, Cluedo e Scrabble.[91]

Inoltre, fin dal 1990 sono state vendute anche diverse collezioni di action figure raffiguranti i principali personaggi della serie, spesso corredate da degli accessori. Per esempio, Bart è dotato della sua caratteristica fionda, mentre Homer è venduto insieme alla riproduzione di una ciambella.[92]

Negli Usa, in occasione dell'uscita del film, la catena di negozi alimentari "7-Eleven" ha trasformato 12 propri negozi in Jet Market, in cui venivano venduti alcuni dei prodotti ideati nella serie (i cereali "Krusty-O", la "Buzz-Cola", e gli "Slurp").[93]

Nella realtà è venduta una birra Duff prodotta da un commerciante messicano e diffusa in Sudamerica, Europa e Asia.

[modifica] Videogiochi

Le avventure dei Simpson sono state adattate in diversi videogiochi. Fra i primi usciti, vi sono l'arcade The Simpsons e The Simpsons: Bart vs. the Space Mutants, pubblicati rispettivamente dalla Konami e dalla Acclaim Entertainment nel 1991. Nel XXI secolo, citiamo 'The Simpsons Wrestling (2001), The Simpsons Road Rage (2001), The Simpson Skateboarding (2002), The Simpsons Hit & Run (2003) e I Simpson - Il videogioco (2007).

[modifica] Musica

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Discografia dei Simpson.

Delle raccolte di musica originale nella serie sono state rilasciate negli album Songs in the Key of Springfield, Go Simpsonic with The Simpsons e The Simpsons: Testify. Diverse canzoni sono state registrate con lo scopo di un rilascio tramite singolo o album e non sono state presenti nella serie. L'album The Simpsons Sing the Blues fu rilasciato nel settembre 1990 e fu un successo, raggiungendo il terzo posto nella Billboard 200 e diventando disco di platino. Il primo singolo fu Do the Bartman, cantata da Nancy Cartwright e pubblicato il 20 novembre 1990. La canzone fu scritta da Michael Jackson, sebbene non ricevette nessun credito poiché la superstar era già sotto contratto con un'altra casa discografica all'epoca.

[modifica] Il fumetto

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Simpsons Comics.

I Simpson sono anche un fumetto, Simpsons Comics, pubblicato in Usa da Bongo Comics ed in Italia da Panini Comics. I primi 32 numeri sono però stati pubblicati da Edizioni Macchia Nera, sotto il nome I Simpson, mentre i numeri dal 33 al 40 da Dino Comics. Sono state pubblicate, parallelamente alla serie principale, anche vari spin-off e numeri speciali. Alcune storie dei fumetti sono in parte inedite, invece le altre sono ispirate agli episodi.

Il 24 maggio 2007 è uscito il numero 100, dal titolo Il gigantesco numero 100.

[modifica] Il film

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce I Simpson - Il film.
Un negozio della catena 7-11 di Seattle trasformato in Jet Market come parte della promozione statunitense de I Simpson - Il film

Un film basato sulla serie, I Simpson – Il film (titolo originale: The Simpsons Movie) è uscito il 27 luglio 2007 in quasi tutto il mondo, mentre in Italia l'uscita è stata posticipata al 14 settembre 2007. Il lungometraggio, diretto dal produttore della serie David Silverman, è stato scritto dal gruppo di sceneggiatori della serie tv e dai creatori dello show, Groening e Brooks. La produzione del lungometraggio è avvenuta durante la lavorazione della serie televisiva, nonostante le affermazioni degli addetti ai lavori secondo cui il film sarebbe stato realizzato solo alla fine della messa in onda in tv.[94] In realtà, voci sulla realizzazione di un possibile lungometraggio basato su I Simpson circolavano fin dalle prime stagioni.

Brooks ha affermato che in origine la trama dell'episodio Kampeggio Krusty (primo episodio della quarta stagione) sarebbe dovuta sfociare in un film, ma i problemi riscontrati nella realizzazione della sceneggiatura hanno ostacolato il progetto.[95] Varie difficoltà, come la mancanza di una sceneggiatura adeguata ad un film, sono state la causa della posticipazione del progetto.[66]

Attraverso un concorso indetto dalla Fox Network e dal quotidiano USA Today, la premiere mondiale del film è avvenuta nella Springfield del Vermont.[37] Negli Stati Uniti, il film ha incassato nella prima settimana di programmazione un totale di 74 milioni di dollari.[96] Inoltre, I Simpson – Il Film ha sorpassato Mission Impossible II al primo posto nella classifica dei film di maggior successo tratti da una serie televisiva.[97] Fuori dagli Usa, il film ha incassato nella prima settimana di programmazione 96.000.000 di dollari; in particolare, 27.8 di questi solo nel Regno Unito.[98] In Italia, il film ha debuttato il 14 settembre al primo posto della classifica del box office con 5.900.000 euro incassati nella prima settimana di programmazione. I Simpson – Il Film ha occupato la prima posizione per altre due settimane, ed è uscito dalla top ten degli incassi dopo sei settimane. Al 12 dicembre 2007, il film ha incassato oltre 16.200.000 € in Italia, ed oltre 525.500.000 $ in tutto il mondo, di cui 183.000.000 $ in patria.[99]

Il primo episodio della 19ª stagione dei Simpson si apre con una sorta di sequel al film, con la città di Springfield, distrutta e in fase di ricostruzione, Bart che scrive alla lavagna Non aspetterò altri venti anni per fare un film, con i 5 protagonisti che ritornano alla loro casa in fase di ricostruzione e quando si recano in sala sul divano trovano il maiale di Homer e in sottofondo si sente la canzone Spiderman Theme Song.[100] Ma riguardo a un seguito per il cinema, Matt Groening ha detto di essere certo della sua futura realizzazione, ma di non avere nessuna indicazione sui tempi necessari per realizzarlo[101] e viste le tempistiche decennali con cui si è svolta la produzione concomitante con lo sviluppo degli episodi televisivi, i lavori per un seguito dovrebbero partire una volta conclusosi il ciclo della serie televisiva.[102]

[modifica] Note

  1. ^ (EN) The Simpsons Archive: Awards and Honours. The Simpsons Archive, 01 maggio 2006. URL consultato il 13 settembre 2007.
  2. ^ a b (EN) The Best Of The Century. Time, 31 dicembre 1999. URL consultato il 28 luglio 2007.
  3. ^ a b David Bauder. (EN) TV Notes: 'Simpsons' breaks record with contract renewal. Pittsburgh Post-Gazette, 21 gennaio 2003
  4. ^ a b Claire Folkard. Guinnes World Record 2006. Mondadori, 2005. ISBN 88-04-54933-5
  5. ^ a b (EN) The Simpsons: The world's favourite family. BBC News, 15 febbraio 2003. URL consultato il 06 ottobre 2007.
  6. ^ «TV Guide Names Top 50 Shows», Associated Press, 26 aprile 2002. URL consultato in data 9 agosto 2011.
  7. ^ Matt Groening. Intervista con David Bianculli. Mp3 dell'intervista (in inglese) disponibile qui. National Public Radio. WHYY, Philadelphia. 14-02-2003
  8. ^ a b The Simpsons: America's First Family, Special della BBC presente nel DVD della stagione 1 de I Simpson
  9. ^ Perché i Simpson sono gialli? Matt Selman risponde. MediasetOnLine. URL consultato il 14 ottobre 2007.
  10. ^ Dean Kuipers. (EN) 3rd Degree: Harry Shearer. Los Angeles: City Beat, 15 aprile 2005. URL consultato il 07 novembre 2007.
  11. ^ Ken Tucker (12 marzo 1993). Toon Terrific. Entertainment Weekly 3: 48.
  12. ^ a b c Matt Groening, James L. Brooks, David Silverman. (2001). Commento audio per la stagione 1 de I Simpson [DVD]. 20th Century Fox.
  13. ^ Matt Groening. (2001). Commento audio per la stagione 1 de I Simpson all'episodio "Sola, senza amore" [DVD]. 20th Century Fox
  14. ^ a b (EN) TV Ratings: 1989-1990. Classictvhits.com. URL consultato il 07 novembre 2007.
  15. ^ Nathan Rabin. (EN) Matt Groening interview with The A.V. Club (page 1). A.V. Club, 26 aprile 2006. URL consultato il 13 settembre 2007.
  16. ^ Frank Spotnitz. "Eat my shorts!", Entertainment Weekly, 23-10-1992, pag. 28
  17. ^ Chris Turner. Planet Simpson: How a Cartoon Masterpiece Documented an Era and Defined a Generation. Random House of Canada, 2004, p.131
  18. ^ Martin Rosenbaum. (EN) Is The Simpsons still subversive?. BBC News, 29 luglio 2007
  19. ^ a b c d Nick Griffiths. "America's First Family", The Times Magazine, 2000, 4, 25 - 27/28
  20. ^ È il caso di Maude Flanders, la moglie di Ned Flanders (Episodio Di nuovo solo-solino-soletto).
  21. ^ Un esempio è la morte del sassofonista Gengive Sanguinanti Murphy (episodio Musica Maestro).
  22. ^ Vedi le pagine riguardanti i due personaggi.
  23. ^ Se si escludono le comparsate "mute", l'ultima apparizione dei due personaggi è avvenuta rispettivamente negli episodi Mamma Bart e La donna immobile
  24. ^ Chris Turner, op. cit., p. 28
  25. ^ Chris Turner, op. cit., p. 55
  26. ^ Chris Turner, op. cit., p. 388
  27. ^ Chris Turner, op. cit., pp 221-222
  28. ^ Chris Turner, op. cit., p. 24
  29. ^ Chris Turner, op. cit., p. 223
  30. ^ Chris Turner, op. cit., p. 29
  31. ^ Mark Pinsky. "The Gospel According to Homer", "Orlando Sentinel", 15-08-1999
  32. ^ I fan hanno provato invano a determinarlo, cercando riferimenti nelle caratteristiche della città, indizi nella geografia del luogo e delle zone vicine.
  33. ^ Chris Turner, op. cit., pp. 289-290
  34. ^ Don Hamilton. (EN) Matt Groening’s Portland. The Portland Tribune, 19 luglio 2002
  35. ^ (EN) Risultato ricerca di "Springfield" nel territorio statunitense. Istituto Geologico Statunitense. URL consultato il 15 novembre 2007.
  36. ^ Chris Turner, op. cit., p. 30
  37. ^ a b (EN) Simpsons launch hits Springfield. BBC News, 21 luglio 2007
  38. ^ La stima è stata fatta dallo USDA, il Dipartimento Statunitense dell'Agricoltura.
  39. ^ Accade nell'episodio "Kampeggio Krusty" (quarta stagione)
  40. ^ In particolare, rimangono quasi completamente "intatte" le scene delle frasi scritte sulla lavagna da Bart e del divano.
  41. ^ Le differenze maggiori sono una nuova vista aerea della città, una scenetta iniziale con Secco, Patata e Ralph Winchester, uscendo di scuola con lo skateboard Bart atterra sopra a Barney Gumble disteso a terra, nella centrale Lenny e Carl prendono il posto di Montgomery Burns e di Waylon Smithers, nella scena dell'automobile è presente anche nonno Abraham e Homer, prima di entrare in casa, viene investito da Marge con la sua macchina.
  42. ^ Per esempio, nella sequenza della fermata Apu è ora presente accompagnato dai suoi otto figli.
  43. ^ Chris Turner, op. cit., p. 31
  44. ^ Chris Turner, op. cit., pp. 63-65
  45. ^ a b Chris Turner, op. cit., p. 62
  46. ^ Il Mondo dei doppiatori: I Simpson. AntonioGenna.net. URL consultato il 08 ottobre 2007.
  47. ^ Darrel Jones, David McCormick. (EN) Simpsons Guest Stars. The Simpson Archive
  48. ^ (EN) Tony Blair a 'Simpsons' guest star. CNN.com, 24 novembre 2003. URL consultato il 07 novembre 2007.
  49. ^ Brad Bird; Matt Groening. (2002). Commentario presente sul DVD della stagione 2 de I Simpson per il videoclip di "Do the Bartman". 20th Century Fox
  50. ^ (EN) All the number 1 singles. Official Chart Company. URL consultato il 19 dicembre 2007.
  51. ^ (EN) Certified Awards. BPI. URL consultato il 19 dicembre 2007.
  52. ^ Ted Drozdowski. (EN) Eye pleasers. The Boston Phoenix, 1997. URL consultato il 01 maggio 2008.
  53. ^ Ken Tucker. (EN) Tv reviews: The Simpsons. Entertainment Weekly, 18 maggio 1990. URL consultato il 01 maggio 2008.
  54. ^ Ken Tucker. (EN) Tv reviews: The Simpsons. Entertainment Weekly, 15 giugno 1990. URL consultato il 01 maggio 2008.
  55. ^ (EN) THE SIMPSONS - Season 19 (2007-2008). FoxFlash. URL consultato il 01 maggio 2008.
  56. ^ Richard Corliss. (EN) Bart Simpson. TIME, 08 giugno 1998. URL consultato il 01 maggio 2008.
  57. ^ (EN) 'The Simpsons' Hits a Landmark. abcnews.go.com, 28 settembre 2008. URL consultato il 25 giugno 2010.
  58. ^ Bob Remington. "It's The Simpsons, Man", TV Times (Calgary Herald), 26-10-1990, p. 10.
  59. ^ Chris Suellentrop. (EN) Who turned America's Tv best show into a cartoon?. Slate, 12 febbraio 2003
  60. ^ Jaime J. Weinman. (EN) Worst episode ever. Salon.com, 24 gennaio 2000
  61. ^ Jon Bonné. (EN) ‘The Simpsons’ has lost its cool. msnbc.com, 02 ottobre 2000
  62. ^ (EN) 10 fan favorites. USA Today, 02 giugno 2003
  63. ^ (EN) 15 writers favorites. USA Today, 02 giugno 2003
  64. ^ Chris Leggett. "Harry Shearer", UK Teletext, 04-08-2004.
  65. ^ Colin Mahan. (EN) 2006 Ratings Wrap-Up (continued). Tv.com, 26 maggio 2006
  66. ^ a b Nathan Rabin. (EN) Matt Groening interview with The A.V. Club (page 3). A.V. Club, 26 aprile 2006. URL consultato il 13 settembre 2007.
  67. ^ (EN) Simpsons creator reveals bosses^ orders. Ananova.com, 01 settembre 2000. URL consultato il 15 dicembre 2008.
  68. ^ (EN) UK Censorship Guide. simpsoncrazy.com. URL consultato il 15 dicembre 2008.
  69. ^ I Simpson censurati in Venezuela. Wikinews, it.wikinews.org, 11 aprile 2008. URL consultato il 15 dicembre 2008.
  70. ^ Freancesca Camerino. I Simpson censurati in Argentina. Ananova.com, 31 luglio 2008. URL consultato il 15 dicembre 2008.
  71. ^ (EN) The Simpsons is banned in Russia. The Simpsons Channel, simpsonschannel.com, 19 settembre 2008. URL consultato il 15 dicembre 2008.
  72. ^ (EN) China bans ‘Simpsons’ from prime time. Associated Press, MSNBC News, 18 agosto 2006. URL consultato il 15 dicembre 2008.
  73. ^ (JA) ザ・シンプソンズ シーズン10 DVDコレクターズBOX. item.rakuten.co.jp. URL consultato il 15 dicembre 2008.
  74. ^ cfr. South Park#In Italia.
  75. ^ cfr. I Griffin#In Italia.
  76. ^ cfr. la voce Adattamento degli anime.
  77. ^ a b Harvey Deneroff. "Matt Groening's Baby Turns 10", "Animation Magazine", 2000, vol. 14, n.1, 10-12
  78. ^ Richard Schuchardt. (EN) Ricky Gervais Part One. DVDActive.com, 4 novembre 2003
  79. ^ La vita secondo Jim – Un protagonista carismatico. Fox.it, 8 ottobre 2008
  80. ^ Giuditta Mosca. I Simpson alla "georgiana". tgcom.mediaset.it, 20 dicembre 2009. URL consultato il 25 gennaio 2010.
  81. ^ Christopher Bahn, Donna Bowman, Josh Modell, Noel Murray, Nathan Rabin, Tasha Robinson, Kyle Ryan, Scott Tobias. (EN) Beyond "D'oh!": Simpsons Quotes For Everyday Use. The A.V. Club, 26 maggio 2006
  82. ^ (EN) It's in the dictionary, d'oh!. BBC News, 14 luglio 2001
  83. ^ a b Simon, Jeremy. "Wisdom from The Simpsons' 'D'ohh' boy" (Intervista), The Daily Northwestern, 11-02-1994
  84. ^ Ventiduesimo episodio della sesta stagione, "Musica Maestro"
  85. ^ Gary Younge, John Henley. (EN) Wimps, weasels and monkeys - the US media view of 'perfidious France'. Guardian Unlimited, 07 luglio 2006
  86. ^ (EN) Dictionary.com: "Cromulent". Dictionary.com
  87. ^ Matt Groening (2001). Commento audio per la stagione 1 de I Simpson all'episodio "Sola, senza amore" [DVD]. 20th Century Fox
  88. ^ Stephen Batterspy. (EN) The British government welcomes our new insect overlords. New Scientist, 05 luglio 2007
  89. ^ Chris Turner, op. cit., p. 300
  90. ^ La pagina dedicata di Wizard, editore statunitense delle trading cards
  91. ^ Timothy Sexton. (EN) Simpsons Board and Trivia Games Are Fun for the Whole Family. Associated Content, 30 agosto 2005
  92. ^ (EN) Pagina dedicata del fansite Nohomers.net. Nohomers.net
  93. ^ (EN) 7-Eleven Becomes Kwik-E-Mart for 'Simpsons Movie' Promotion. FOX News, 01 luglio 07. URL consultato il 15 dicembre 07.
  94. ^ (EN) Homer going to bat in '07. Variety, 02 aprile 2006. URL consultato il 03 luglio 2007.
  95. ^ Parlano i papà di Homer&Co. XL Repubblica, 02 luglio 2007. URL consultato il 09 luglio 2007.
  96. ^ (EN) Incassi del Box Office americaro nel weekend del 27-29 luglio 2007. Box Office Mojo. URL consultato il 25 novembre 2007.
  97. ^ Joshua Rich. (EN) Raking in the d'oh!. Entertainment Weekly, 27 luglio 2007. URL consultato il 15 novembre 2007.
  98. ^ Frank Segers. (EN) "Simpsons Movie" rules foreign box office. Reuters.com, 29 luglio 2007
  99. ^ I Simpson - il film: Dati sugli incassi. CinemaZone, cinema.castlerock.it. URL consultato il 24 novembre 2007.
  100. ^ Il mini-seguito dei Simpson. URL consultato il 2 maggio 2009.
  101. ^ Il secondo film dei Simpson | Foxtv Magazine
  102. ^ Nessun sequel per The Simpsons Movie | BadTaste.it - Il nuovo gusto del cinema!

[modifica] Bibliografia

  • Matt Groening, Il buffo libro dei Simpson (per un giorno di pioggia), Milano, Leonardo, 1991.
  • Matt Groening, Saluti dai Simpson, Milano, Leonardo, 1991.
  • Matt Groening, Il natalibro dei Simpson, Milano, Leonardo, 1991. ISBN 978-88-355-0202-9
  • (EN) Ray Richmond, Antonia Coffman, The Simpsons: A Complete Guide to our Favorite Family, Harper Collins Publishers, 1997. ISBN 0-06-019348-4
  • Franco Busatta, I Simpson. La guida non ufficiale, Bologna, PuntoZero, 1998.
  • Matt Groening, I Simpson, Milano, Zelig, 1998. ISBN 88-86471-94-7.
  • Matt Groening, a cura di Ray Richmond e Antonia Coffman (stagioni 1-8) e Scott M. Gimple (stagioni 9-10), I Simpson. La guida completa alla nostra famiglia preferita, Baldini & Castoldi, Milano 1999, ISBN 88-8089-755-1.
  • Pierluca Marchisio, con Guido Michelone, I Simpson. L'allucinazione di una sit-com, Roma, Castelvecchi, 1999.
  • Matt Groening, Bart Simpson: guida alla vita, Roma, Macchia nera. ISBN 88-8308-019-X
  • Guido Michelone, I Simpson, Milano, Bompiani, 2000.
  • Manuela Marziali, I Simpson e la tradizione culturale americana, Roma, Prospettiva, 2003.
  • (EN) John Alberti, Leaving Springfield: "The Simpsons" and the Possibility of Oppositional Culture, Wayne State University Press, 2003. ISBN 0-8143-2849-0
  • (EN) Chris Turner, Planet Simpson: How a Cartoon Masterpiece Documented an Era and Defined a Generation, Random House of Canada, 2004. ISBN 0-679-31318-4
  • Matt Groening, The Simpsons. Benvenuti a Springfield, Roma, la Repubblica, 2005.
  • William Irwin, Mark T. Conrad, Aeon J. Skoble, I Simpson e la filosofia, Milano, Isbn, 2005. ISBN 88-7638-031-0; poi Milano, Mondolibri, 2006.
  • Francesca Barbolini, Benvenuti in casa Simpson. Fenomenologia di una famiglia media americana, Piombino, Il Foglio, 2006.
  • Matt Groening, I Simpson. Album di famiglia senza censure, Milano, Rizzoli, 2007. ISBN 978-8817019675
  • Matt Groening, I Simpson. All'attacco, Milano, Rizzoli, 2007. ISBN 88-17-01968-2
  • Matt Groening, I Simpson. In picchiata, Milano, Rizzoli, 2007. ISBN 978-8817019699
  • Matt Groening, I Simpson. Guida alla città di Springfield, Milano, Rizzoli, 2007. ISBN 88-17-01970-4
  • Corrado Peperoni (a cura di), I Simpson. Il ventre onnivoro della Tv postmoderna, Roma, Bulzoni, 2007. ISBN 88-7870-240-4
  • Marco Malaspina, La scienza dei Simpson. Guida non autorizzata all'Universo in una ciambella, Milano, Sironi, 2007. ISBN 88-518-0092-8
  • Davide G. G. Caci, I Simpson, I Griffin & Co. Le sit-com animate dalla preistoria dei Flintstones ai giorni nostri, Latina, Tunue, 2008.
  • Matt Groening, I Simpson comics. In parata, Milano, Rizzoli, 2008. ISBN 978-8817020183
  • Matt Groening, I Simpson comics. Al galoppo, Milano, Rizzoli, 2008. ISBN 978-8817020190
  • Matt Groening, I Simpson comics. A gogo, Milano, Rizzoli, 2008. ISBN 88-17-02020-6
  • Matt Groening, I Simpson comics. Scatenati, Milano, Rizzoli, 2008. ISBN 978-8817020213
  • Matt Groening, I Simpson comics. A ruota libera, Milano, Rizzoli, 2008. ISBN 978-8817022743
  • Matt Groening, I Simpson comics. Simpsorama, Milano,Rizzoli, 2008. ISBN 978-8817022767
  • Matt Groening, I Simpson comics. Tutti al mare, Milano, Rizzoli, 2008. ISBN 978-8817023894
  • Matt Groening, I Simpson comics. In campeggio, Milano, Rizzoli, 2008. ISBN 978-8817023900
  • Matt Groening, I Simpson. La paura fa novanta. Un brivido fantastico, Milano, Rizzoli, 2008. ISBN 88-17-02672-7
  • Matt Groening, I Simpson. La paura fa novanta. Morti dal ridere, Milano, Rizzoli, 2008. ISBN 978-8817026734
  • Jay Heinrichs, L'arte di avere sempre l'ultima parola. Da Aristotele a Homer Simpson, tutti i segreti della persuasione, Milano, Kovalski, 2008. ISBN 88-7496-735-7
  • Brunetto Salvarani, Da Bart a Barth. Per una teologia all'altezza dei Simpson, Torino, Claudiana, 2008.

[modifica] Voci correlate

[modifica] Altri progetti

[modifica] Collegamenti esterni

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Comunità
Stampa/esporta
Strumenti
Altre lingue